1. Hpv – Human papilloma virus – è un virus molto comune di cui oltre 30 tipi infettano l`area genitale. Di essi circa 15 sono definiti ad alto rischio oncogeno.

2. L`infezione genitale da Hpv è la più comune delle infezioni a trasmissione sessuale. Perché vi sia contagio, però, non è necessario il rapporto sessuale ma basta anche un semplice contatto cutaneo nell`area genitale.

3. Circa l`80% della popolazione femminile si infetta con questo virus nel corso della propria vita.  Anche se nella maggior parte de casi l`infezione viene eliminata, in caso di persistenza può però degenerare in lesione tumorale. Chi ha avuto precedenti infezioni da Hpv non è inoltre immune da successive infezioni.

4. I ceppi oncogeni di Hpv più comuni sono il 16 e il 18, che insieme causano oltre il 70% dei tumori al collo dell`utero. Altri ceppi, come il 6 e l`11, possono invece provocare verruche genitali e lesioni di basso grado della cervice.

5. L`infezione da Hpv è asintomatica: una donna può aver contratto il virus oncogeno da molti anni senza neanche saperlo.

Come si previene il cancro al collo dell`utero

6. L`infezione da Hpv non si può curare. Quella provocata dai ceppi di Hpv oncogeno e quella causata dalle forme virali responsabili delle verruche genitali può essere prevenuta attraverso la vaccinazione. La vaccinazione attualmente disponibile è indicata per le adolescenti e le giovani donne dai 9 ai 26 anni di età.

7. L`esecuzione del pap-test è il metodo più efficace per rilevare le anomalie cellulari del collo dell`utero, che possono costituire i segni precoci del cancro. 

8. Nei casi di anomalie del collo dell`utero evidenziate dal pap-test si può effettuare un Hpv test, dal quale emerge se l`infezione è provocata da ceppi oncogeni o meno tramite l`individuazione del Dna virale.

A cosa serve il pap-test

9. Il pap-test rileva le alterazioni delle cellule del collo dell`utero che potrebbero evolvere verso un carcinoma. Si consiglia l`esecuzione regolare di questo esame ogni 3 anni dai 25 ai 64 anni di età.

10. Il pap-test non previene l`infezione da Hpv, ma aiuta a individuare i primissimi segni della malattia.


angiografia.jpg

6 Febbraio 2009 IMCI-DocA0

È l’esame più preciso per valutare forma e calibro delle arterie. È una tecnica di visualizzazione radiologica di un’arteria determinata mediante l’introduzione di un mezzo di contrasto radiopaco.

A che serve

Principalmente viene utilizzata per la diagnosi delle affezioni a carico del cuore e dei grossi vasi (angiocardiografia) e delle arterie periferiche (arteriografia). L’angiografia cerebrale, dopo l’avvento della TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) e della RMN (Risonanza Magnetica), ha perso importanza per valutare l’esatta posizione ed il grado di vascolarizzazione di lesioni intracraniche, ma rimane di primaria importanza per la diagnosi di stenosi o di occlusioni delle arterie, di anomalie congenite o malformazioni dei vasi cerebrali, di trombosi dei seni venosi della dura madre. L’angiografia è una tecnica altamente sensibile in altri distretti corporei: consente di localizzare con precisione tumori delle cellule del pancreas, di individuare emboli polmonari, lesioni della vascolarizzazione renale (integrando i dati della TAC), ischemie o emorragie nel tratto gastrointestinale o malformazioni del tessuto epatico.

Come si esegue

L’angiografia viene effettuata incannulando, mediante speciali cateteri, le arterie dell’organo da esaminare, introducendo il mezzo di contrasto (a base di iodio) e registrando le immagini radiografiche ad un ritmo di circa 3-6 sec.; il mezzo di contrasto viene poi eliminato per via renale.



12 – 13 Marzo 2009 

Bologna – Royal Hotel Carlton

  • 4° Convegno di formazione teorico-pratico multidisciplinare:

La sincope e le perdite transitorie di coscienza di sospetta natura sincopale

  • 2a Conferenza sui Sistemi di Monitoraggio in Cardiologia
  • 1a Convention delle Syncope Unit

 

Segreteria organizzativa:

Adria Congrex

Via Sassonia, 30

47900 Rimini

Tel. +39 0541 305839-811

Fax +39 0541 305842

Mail to: info.sincope2009@gimsi.it

 

 


Istituto Medico Chirurgico - Termoli aut. san. reg. n.138 del 31.08.2011