Facebook ci modifica il cervello ?

12 Aprile 2013 da IMCI-Doc0
fb.jpg

I social network hanno cambiato le relazioni umane? La ricercatrice Susan Greenfield tenta di rispondere al quesito analizzando in che modo Facebook agisce sulle menti degli utenti.

FACEBOOK OGGI – La nuova interfaccia Facebook per mobile, in cui al posto delle solite applicazioni e widget mostra direttamente gli aggiornamenti degli amici, è ritenuta “discutibile” da chi si occupa di studiare il comportamento umano. Susan Greenfield, neuroscienziato, ha spiegato a The Telegrap che la nuova funzionalità di Facebook può “modificare” il nostro cervello: che cosa significa?

MODO DI RAGIONARE – Anche Die Bild ha affrontato l’argomento spiegando che “a prima vista l’interfaccia Facebook appare innocua ma il sapere che cosa fanno gli amici attraverso la pubblicazione di notizie e immagini può causare l’ossessione negli utenti”. Insomma, Facebook spinge le persone all’ossessione perché fa crescere il desiderio di essere sempre aggiornati e informati sulla vita degli altri o in alternativa di condividere qualsiasi momento della vita reale e tramutarlo in un fatto virtuale. Facebook uccide l’individualità, secondo Greenfield, e porta le persone ad uccidere la privacy anziché tutelarla.

FACEBOOK, OSSESSIONE – ”Il cervello umano è malleabile e in grado di adattarsi all’ambiente. Dal momento che viviamo in un momento in cui la realtà digitale è in rapida espansione, siamo sempre pronti a controllare quello che fanno gli altri (in questo caso gli amici di Facebook) e quali sono le loro opinioni. Questo ha cambiato il nostro modo di pensare e di vedere molte cose”, ha spiegato ancora la studiosa. Il nostro pensiero è influenzato dal parere altrui, al punto che gli utenti finiscono per dare valore alle proprie affermazioni in base al successo ottenuto in rete. Le persone sono ossessionate dal voler “piacere” ai loro amici digitali e per raccogliere “mi piace” sono disposti a perdere la privacy. Greenfield spiega che gli utenti sono finiti per essere non quello che sono ma quello che gli altri vedono in rete. 

08.04.2013

Istituto Medico Chirurgico - Termoli aut. san. reg. n.138 del 31.08.2011