Cervello-midollo.jpg

Un nuovo farmaco, che i neurologi inizieranno presto a testare sull’uomo, potrebbe aiutare i medici a diagnosticare la sclerosi multipla (SM) – e identificare lo stadio della sua progressione – con maggiore precisione. La Sclerosi Multipla (SM) è una condizione neurologica incurabile che colpisce il sistema nervoso centrale. I suoi sintomi, che possono includere rigidità muscolare, movimenti incontrollati e problemi di equilibrio, tra le altre cose, possono diventare invalidanti.

Sebbene non sia chiaro quante persone vivano con la Sclerosi Multipla (SM), le stime del National Institute of Neurological Disorders and Stroke suggeriscono che circa 250.000 – 350.000 persone negli Stati Uniti da soli hanno questa diagnosi. Nonostante il fatto che la sclerosi multipla colpisca così tante persone negli Stati Uniti e altrove e che possa portare a disabilità e riduzione della qualità della vita, i medici incontrano spesso difficoltà nella diagnosi e nella misura in cui ha colpito il sistema nervoso.

Presto, tuttavia, questa situazione potrebbe cambiare, grazie a un nuovo farmaco diagnostico sviluppato dai ricercatori della Case Western Reserve University, a Cleveland, OH. Il team, guidato dal neurologo Prof. Yanming Wang, ha creato un farmaco – “Myeliviz” – che può legarsi alla mielina, il rivestimento che protegge i nervi, aiutandoli a funzionare correttamente.

Nella Sclerosi Multipla (SM), la mielina viene danneggiata. Di conseguenza, i nervi subiscono anche alcuni danni e smettono di funzionare efficacemente, portando ai vari sintomi della malattia. Il neurologo prof. Wang e i suoi colleghi ritengono che, dopo aver somministrato Myeliviz, saranno in grado di utilizzare uno scanner PET per tracciare la presenza del farmaco nei nervi e creare immagini accurate del danno alla mielina e ai nervi all’interno.

I neurologi hanno ora annunciato di aver ricevuto l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) per avviare studi clinici sull’uomo e testare l’efficacia di Myeliviz come strumento per diagnosticare la SM. Spiegano anche di aver ricevuto finanziamenti – una sovvenzione di $ 1,7 milioni – dal National Institutes of Health (NIH) per sostenere questi prossimi studi clinici.

La mielina non è mai stata fotografata direttamente prima“, sottolinea il neurologo prof. Wang. “La nostra tecnica è la prima a farlo, e speriamo che ciò fornisca una diagnosi precoce e più accurata della SM. L’obiettivo è consentire ai neurologi specialisti di diagnosticare in modo più inequivocabile la Sclerosi Multipla (SM) e monitorare la progressione della malattia e i processi di riparazione”. I neurologi spiegano che somministreranno il farmaco per via endovenosa e quindi eseguiranno scansioni PET.

Se la mielina ha subito danni, il team ritiene che questo si rifletterà come punti scuri sulla scansione perché, in questo caso, Myeliviz sarà stato in grado di legarsi in modo non uniforme alla mielina rimanente. Riconoscere questo danno aiuterà i medici a diagnosticare precocemente la SM, poiché, nota il team, la condizione inizia ad attaccare il sistema nervoso centrale prima di produrre sintomi visibili.

L’uso del nuovo farmaco potrebbe anche consentire ai neurologi specialisti di determinare l’entità del danno al sistema nervoso della persona e prescrivere trattamenti più appropriati. “Myeliviz potrebbe essere l’anello mancante nella ricerca di una cura per la sclerosi multipla e altre malattie della mielina, fungendo da marker di imaging specifico e quantitativo per la diagnosi precoce e la valutazione sensibile e quantitativa di nuove terapie attualmente in fase di sviluppo”, afferma Chunying Wu, Ph.D., che ha sviluppato il farmaco.

I neurologi specialisti suggeriscono anche che l’uso di Myeliviz e le scansioni PET potrebbero sostituire le scansioni MRI nella diagnosi della SM. Le scansioni MRI sono attualmente lo strumento diagnostico di riferimento e possono indirettamente immaginare la mielina. Tuttavia, osserva il team, queste scansioni non sono molto utili per aiutare i neurologi specialisti a monitorare la progressione della condizione.

E gli scienziati sperano che il nuovo metodo possa essere utile, non solo nella diagnosi e nel monitoraggio della SM, ma anche nel supportare la salute del cervello in modo più ampio. “Myeliviz può fornire un monitoraggio continuo e migliorato della salute del cervello in generale e aiutare gli scienziati a misurare con maggiore precisione l’efficacia dei trattamenti in numerose malattie neurologiche, come epilessia, ictus, neuro degenerazione, tumore e trauma nel cervello e nel midollo spinale”, commenta il Dr. Mykol Larvie, che è il direttore del neuroimaging funzionale presso la Cleveland Clinic e che ha guidato il processo di candidatura della FDA.

Dott.ssa Maria Mastrullo
Specialista in Neurologia 


MastrulloMaria.jpg

Per molti è solo un incidente di percorso, per altri rappresenta un problema di salute rilevante, si tratta della cefalea, un disturbo che negli ultimi anni è salito decisamente alla ribalta. La maggior parte di queste cefalee sono definite “primitive” cioè sono nel contempo sintomo e malattia. Per verificarle va eseguito un attento controllo dell’individuo, comprendente tra l’altro una ricostruzione della storia personale, l’andamento temporale del disturbo e l’individuazione dei meccanismi di scatenamento. Sulle cause che determinano una cefalea primaria si discute ancora.  Al contrario sul fronte della cura oggi ne sappiamo molto di più.

Tre sono i gruppi entro i quali sono raccolte le varie forme di cefalea, caratterizzata da un dolore che si presenta con regolarità, che dura a lungo, accompagnato magari da altri sintomi e che, comunque, finisce per interferire pesantemente con le attività quotidiane: emicrania, cefalea tensiva e cefalea di varia natura ivi compresa la cefalea a grappolo.

Le donne sono le più colpite dall’emicrania, che si manifesta con dolore pulsante, per lo più monolaterale, variabile per frequenza, durata e intensità’. Vi si possono associare fenomeni come nausea, vomito, fastidio per la luce, per i rumori o fenomeni più gravi come vertigini, alterazioni della vista, formicolii. I fattori scatenanti le crisi emicraniche sono di origine emozionale, ormonale, alimentare, atmosferico.

È abbastanza frequente un’emicrania che insorge o è legata al periodo mestruale, così come è un fatto acquisito che alcuni alimenti come il cioccolato, i formaggi stagionati, i grassi ed altri ancora sono da considerarsi a rischio di emicrania. Frequenti sono anche le influenze sulla sfera sessuale.

La cefalea tensiva, caratterizzata, da una sensazione di peso alla testa, interessa tutto il capo, non peggiora con l’attività fisica e può durare giorni, mesi o anni.

Tra gli altri tipi quella che appare più chiaramente definita è la “cefalea a grappolo” così denominata per il raggrupparsi delle crisi.

Sul fronte del trattamento possiamo agire molto efficacemente sia con terapie farmacologiche sia con tecniche di agopuntura.

Dott.ssa Maria Mastrullo
Specialista in Neurologia 


Noci-Cuore.jpg

50-60 grammi di noci al giorno possono favorire la forza del cuore e dell’intestino

Una recentissima ricerca suggerisce che le persone che mangiano noci ogni giorno possono avere una migliore salute intestinale e un minor rischio di malattie cardiache.
Le noci possono essere un’ottima fonte di nutrienti e uno spuntino salutare “pick-me-up”. Le noci, in particolare, sono ricche di proteine, grassi e sono anche una fonte di calcio e ferro.
Dato il potenziale nutrizionale delle noci, alcuni ricercatori hanno esaminato se queste noci potrebbero effettivamente aiutare a prevenire specifici problemi di salute.
Nel 2019, i ricercatori della Pennsylvania State University nello State College hanno scoperto che le persone che hanno sostituito i grassi saturi con le noci (una fonte di grassi insaturi) hanno sperimentato benefici cardiovascolari, in particolare miglioramenti della pressione sanguigna.
Gli scienziati spiegano che le noci contengono acido alfa-linolenico, che è un tipo di acido grasso omega-3 presente nelle piante. A seguito di tale ricerca, il team, che comprende la professoressa di ricerca Kristina Petersen e la Prof. Penny Kris-Etherton,  ha recentemente condotto un altro studio per scoprire di più sui benefici per la salute delle noci.
Il nuovo studio, i cui risultati compaiono nel Journal of Nutrition, suggerisce che l’aggiunta delle noci in una dieta salutare può favorire l’intestino e quindi migliorare la salute del cuore.
“C’è molto lavoro da fare sull’equilibrio dell’intestino e su come influenza la salute in generale”, osserva il Prof. Kris-Etherton.
Quindi – afferma Prof. Kris-Etherton –  oltre a considerare fattori come lipidi e lipoproteine, volevamo esaminare la buona condizione dell’intestino. Volevamo anche vedere se i cambiamenti nella condizione fisica dell’intestino con il consumo di noci erano correlati ai miglioramenti dei fattori di rischio per le malattie cardiache”.

Dottoressa Maria Mastrullo
Specialista in Neurologica


Emicrania.jpg

Molte donne soffrono di mal di testa durante il periodo delle mestruazioni. Questi mal di testa possono essere gravi ed interferire con la vita quotidiana.

Il mal di testa mestruale può essere lieve e accompagnato da sintomi come irritabilità e seno stretto. In questo caso, una persona potrebbe sperimentare la sindrome premestruale (PMS).

Inoltre, le mestruazioni possono scatenare l’emicrania nelle donne con questa condizione. Un mal di testa mestruale può verificarsi prima, durante o dopo un ciclo.

Questo articolo spiegherà come i periodi mestruali possono causare mal di testa, la differenza tra mal di testa causato da PMS ed emicrania e quando una persona dovrebbe rivolgersi a un medico. 

In che modo i cicli mestruali si riferiscono al mal di testa?

Durante un ciclo mestruale, gli ormoni del corpo femminile si alzano e si abbassano in preparazione alla gravidanza.

Un ciclo richiede in genere tra 25 e 30 giorni. Va dal primo giorno di un periodo mestruale al primo giorno del successivo.

Gli estrogeni e il progesterone sono ormoni che aiutano a regolare il ciclo mestruale e i livelli di questi ormoni possono influenzare la gravità e la prevalenza del mal di testa.

Secondo una recente revisione, ad esempio, possono verificarsi emicrania acuta quando il livello di estrogeni nell’organismo diminuisce in modo significativo.

Cause e Sintomi

Gli ormoni svolgono un ruolo importante nel mal di testa perché regolano la risposta al dolore del corpo.

Le donne diventano più vulnerabili al mal di testa quando i loro livelli di estrogeni e progesterone fluttuano.

Quando una persona avverte mal di testa durante il periodo delle mestruazioni, il dolore può derivare dalla sindrome premestruale o dall’emicrania mestruale.

Emicrania mestruale

L’emicrania mestruale si verifica in genere prima, durante o immediatamente dopo un periodo. Questi mal di testa possono verificarsi anche durante l’ovulazione.

Circa il 60% delle donne che soffrono di emicrania riferisce che le mestruazioni sono un fattore scatenante per questi mal di testa.

I sintomi possono essere simili a quelli di qualsiasi altra emicrania, anche se i mal di testa che si verificano in prossimità di un periodo mestruale potrebbero non accompagnare i disturbi sensoriali.

Tuttavia, alcune persone sperimentano aure, come luci lampeggianti o punti ciechi nel campo visivo o una sensazione di formicolio nelle mani o nel viso, prima di un mal di testa mestruale.

Altri sintomi di emicrania mestruale tendono ad includere:

  • sensibilità alle luci intense
  • sensibilità al rumore
  • dolore lancinante su un lato della testa
  • nausea
  • vomito

PMS

Il mal di testa PMS (Sindrome Premestruale) si verifica in genere prima dell’inizio di un periodo mestruale.

La sindrome premestruale si riferisce a un gruppo di sintomi che il 95% delle donne in età riproduttiva sperimenta prima che i loro cicli inizino ogni mese.

I sintomi di solito compaiono 1-2 settimane prima dell’inizio di un ciclo.

Oltre al mal di testa, i sintomi della sindrome premestruale possono includere:

  • voglie di cibo
  • seno tenero e gonfio
  • ritenzione idrica
  • dimenticanza
  • goffaggine
  • disturbi del sonno
  • dolori articolari e muscolari
  • irritabilità
  • ansia o tensione
  • sbalzi d’umore
  • depressione

Ormoni che interferiscono sul mal di testa durante la gravidanza

A causa del legame tra ormoni e mal di testa, le donne possono avere maggiori probabilità di provare emicrania durante la gravidanza.

Secondo un articolo pubblicato su The Journal of Headache and Pain, i livelli di estrogeni possono aumentare di 100 volte durante la gravidanza, il che può influenzare l’attività dell’emicrania.

Inoltre, è importante notare che un mal di testa può essere un sintomo di preeclampsia, un disturbo della pressione sanguigna potenzialmente grave che può colpire ogni organo.

Gli operatori sanitari sono generalmente in grado di rilevare la preeclampsia durante i controlli regolari. I sintomi possono includere:

  • un mal di testa che persiste
  • gonfiore del viso o delle mani
  • cambiamenti nella vista
  • improvviso aumento di peso
  • dolore alla spalla
  • nausea e vomito

Chiunque creda di avere una preeclampsia dovrebbe rivolgersi al medico.

Trattamento

Emicrania mestruale

Il trattamento per l’emicrania mestruale dipende dalla gravità del dolore. Una persona può assumere farmaci, come:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), tra cui paracetamolo e ibuprofene
  • triptani
  • segala cornuta

Un medico può prescrivere frovatriptan, zolmitriptan o altri triptani per la prevenzione dell’emicrania a breve termine.

PMS

I farmaci da banco per alleviare il dolore come l’ibuprofene possono aiutare a curare il mal di testa che si verificano a causa della sindrome premestruale.

Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono anche aiutare a trattare i sintomi della sindrome premestruale, tra cui:

  • dormire a sufficienza
  • mangiare una dieta salutare
  • fare esercizio fisico regolare

Quando consultare il medico

Se il mal di testa mestruale interferisce con la vita quotidiana, parla con un medico.

Quando la PMS è il problema di fondo, una serie di trattamenti può aiutare, tra cui la contraccezione ormonale, i farmaci antidepressivi e gli integratori di calcio.

Il corretto corso del trattamento dipenderà, in parte, dalla gravità e dai sintomi specifici.

Gli operatori sanitari possono raccomandare modi per aiutare a prevenire l’emicrania mestruale. Possono anche prescrivere farmaci antidolorifici più forti, quando necessario.

Nelle donne in gravidanza, un mal di testa persistente può essere un sintomo di preeclampsia. Chiunque pensi di poter riscontrare questo problema potenzialmente grave dovrebbe consultare un medico.

Conclusioni

Gli ormoni controllano la risposta al dolore del corpo. Durante il ciclo mestruale, i livelli ormonali fluttuano mentre il corpo si prepara alla gravidanza e questo flusso e riflusso può portare a mal di testa.

Il mal di testa che si verifica prima, durante o immediatamente dopo un periodo mestruale può derivare da PMS o emicrania mestruale.

I farmaci da banco per alleviare il dolore possono spesso alleviare lievi mal di testa. Chiunque provi un forte dolore o qualsiasi disagio che interferisce con la vita quotidiana dovrebbe parlare con un medico.

Dott.ssa Maria Mastrullo


Parkinson-mani.jpg

Il morbo di Parkinson è una condizione neurodegenerativa progressiva. La diagnosi si basa sua classica triade sintomatologica rappresentata da rigidità. bradicinesia e tremore.

Da alcuni anni gli scienziati si sono concentrati sui disturbi non motori della malattia di Parkinson di cui alcuni come l’anosmia, la depressione i disturbi del sonno REM possono precedere anche di anni l’inizio della malattia.

Nonostante decenni di intensa ricerca, non esiste ancora una cura per la condizione e non esiste un test diagnostico affidabile.

Attualmente, il trattamento non può iniziare fino a quando non compaiono i segni motori rivelatori, come tremore e rigidità. Tuttavia, la rottura del tessuto nervoso inizia circa 6 anni prima che le persone notino segni clinici.

Trovare un modo affidabile per diagnosticare la malattia di Parkinson in anticipo significherebbe che il trattamento potrebbe iniziare prima e, forse, che potremmo tenere a bada la condizione più a lungo.

Alcuni scienziati del nord America hanno associato l’odore dei pazienti con Parkinson all’inizio della malattia. La modificazione dell’odore dei pazienti Parkinsoniani si modifica anche 15 anni prima dell’inizio della classica triade motoria. Una sistematizzazione e classificazione dell’odore potrebbe permetterci di porre una diagnosi anche moltissimi anni prima che inizino i sintomi dandoci più possibilità di trattamenti precoci. 

Dott.ssa Maria Mastrullo


Istituto Medico Chirurgico - Termoli aut. san. reg. n.138 del 31.08.2011