Emicrania.jpg

Molte donne soffrono di mal di testa durante il periodo delle mestruazioni. Questi mal di testa possono essere gravi ed interferire con la vita quotidiana.

Il mal di testa mestruale può essere lieve e accompagnato da sintomi come irritabilità e seno stretto. In questo caso, una persona potrebbe sperimentare la sindrome premestruale (PMS).

Inoltre, le mestruazioni possono scatenare l’emicrania nelle donne con questa condizione. Un mal di testa mestruale può verificarsi prima, durante o dopo un ciclo.

Questo articolo spiegherà come i periodi mestruali possono causare mal di testa, la differenza tra mal di testa causato da PMS ed emicrania e quando una persona dovrebbe rivolgersi a un medico. 

In che modo i cicli mestruali si riferiscono al mal di testa?

Durante un ciclo mestruale, gli ormoni del corpo femminile si alzano e si abbassano in preparazione alla gravidanza.

Un ciclo richiede in genere tra 25 e 30 giorni. Va dal primo giorno di un periodo mestruale al primo giorno del successivo.

Gli estrogeni e il progesterone sono ormoni che aiutano a regolare il ciclo mestruale e i livelli di questi ormoni possono influenzare la gravità e la prevalenza del mal di testa.

Secondo una recente revisione, ad esempio, possono verificarsi emicrania acuta quando il livello di estrogeni nell’organismo diminuisce in modo significativo.

Cause e Sintomi

Gli ormoni svolgono un ruolo importante nel mal di testa perché regolano la risposta al dolore del corpo.

Le donne diventano più vulnerabili al mal di testa quando i loro livelli di estrogeni e progesterone fluttuano.

Quando una persona avverte mal di testa durante il periodo delle mestruazioni, il dolore può derivare dalla sindrome premestruale o dall’emicrania mestruale.

Emicrania mestruale

L’emicrania mestruale si verifica in genere prima, durante o immediatamente dopo un periodo. Questi mal di testa possono verificarsi anche durante l’ovulazione.

Circa il 60% delle donne che soffrono di emicrania riferisce che le mestruazioni sono un fattore scatenante per questi mal di testa.

I sintomi possono essere simili a quelli di qualsiasi altra emicrania, anche se i mal di testa che si verificano in prossimità di un periodo mestruale potrebbero non accompagnare i disturbi sensoriali.

Tuttavia, alcune persone sperimentano aure, come luci lampeggianti o punti ciechi nel campo visivo o una sensazione di formicolio nelle mani o nel viso, prima di un mal di testa mestruale.

Altri sintomi di emicrania mestruale tendono ad includere:

  • sensibilità alle luci intense
  • sensibilità al rumore
  • dolore lancinante su un lato della testa
  • nausea
  • vomito

PMS

Il mal di testa PMS (Sindrome Premestruale) si verifica in genere prima dell’inizio di un periodo mestruale.

La sindrome premestruale si riferisce a un gruppo di sintomi che il 95% delle donne in età riproduttiva sperimenta prima che i loro cicli inizino ogni mese.

I sintomi di solito compaiono 1-2 settimane prima dell’inizio di un ciclo.

Oltre al mal di testa, i sintomi della sindrome premestruale possono includere:

  • voglie di cibo
  • seno tenero e gonfio
  • ritenzione idrica
  • dimenticanza
  • goffaggine
  • disturbi del sonno
  • dolori articolari e muscolari
  • irritabilità
  • ansia o tensione
  • sbalzi d’umore
  • depressione

Ormoni che interferiscono sul mal di testa durante la gravidanza

A causa del legame tra ormoni e mal di testa, le donne possono avere maggiori probabilità di provare emicrania durante la gravidanza.

Secondo un articolo pubblicato su The Journal of Headache and Pain, i livelli di estrogeni possono aumentare di 100 volte durante la gravidanza, il che può influenzare l’attività dell’emicrania.

Inoltre, è importante notare che un mal di testa può essere un sintomo di preeclampsia, un disturbo della pressione sanguigna potenzialmente grave che può colpire ogni organo.

Gli operatori sanitari sono generalmente in grado di rilevare la preeclampsia durante i controlli regolari. I sintomi possono includere:

  • un mal di testa che persiste
  • gonfiore del viso o delle mani
  • cambiamenti nella vista
  • improvviso aumento di peso
  • dolore alla spalla
  • nausea e vomito

Chiunque creda di avere una preeclampsia dovrebbe rivolgersi al medico.

Trattamento

Emicrania mestruale

Il trattamento per l’emicrania mestruale dipende dalla gravità del dolore. Una persona può assumere farmaci, come:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), tra cui paracetamolo e ibuprofene
  • triptani
  • segala cornuta

Un medico può prescrivere frovatriptan, zolmitriptan o altri triptani per la prevenzione dell’emicrania a breve termine.

PMS

I farmaci da banco per alleviare il dolore come l’ibuprofene possono aiutare a curare il mal di testa che si verificano a causa della sindrome premestruale.

Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono anche aiutare a trattare i sintomi della sindrome premestruale, tra cui:

  • dormire a sufficienza
  • mangiare una dieta salutare
  • fare esercizio fisico regolare

Quando consultare il medico

Se il mal di testa mestruale interferisce con la vita quotidiana, parla con un medico.

Quando la PMS è il problema di fondo, una serie di trattamenti può aiutare, tra cui la contraccezione ormonale, i farmaci antidepressivi e gli integratori di calcio.

Il corretto corso del trattamento dipenderà, in parte, dalla gravità e dai sintomi specifici.

Gli operatori sanitari possono raccomandare modi per aiutare a prevenire l’emicrania mestruale. Possono anche prescrivere farmaci antidolorifici più forti, quando necessario.

Nelle donne in gravidanza, un mal di testa persistente può essere un sintomo di preeclampsia. Chiunque pensi di poter riscontrare questo problema potenzialmente grave dovrebbe consultare un medico.

Conclusioni

Gli ormoni controllano la risposta al dolore del corpo. Durante il ciclo mestruale, i livelli ormonali fluttuano mentre il corpo si prepara alla gravidanza e questo flusso e riflusso può portare a mal di testa.

Il mal di testa che si verifica prima, durante o immediatamente dopo un periodo mestruale può derivare da PMS o emicrania mestruale.

I farmaci da banco per alleviare il dolore possono spesso alleviare lievi mal di testa. Chiunque provi un forte dolore o qualsiasi disagio che interferisce con la vita quotidiana dovrebbe parlare con un medico.

Dott.ssa Maria Mastrullo


Parkinson-mani.jpg

Il morbo di Parkinson è una condizione neurodegenerativa progressiva. La diagnosi si basa sua classica triade sintomatologica rappresentata da rigidità. bradicinesia e tremore.

Da alcuni anni gli scienziati si sono concentrati sui disturbi non motori della malattia di Parkinson di cui alcuni come l’anosmia, la depressione i disturbi del sonno REM possono precedere anche di anni l’inizio della malattia.

Nonostante decenni di intensa ricerca, non esiste ancora una cura per la condizione e non esiste un test diagnostico affidabile.

Attualmente, il trattamento non può iniziare fino a quando non compaiono i segni motori rivelatori, come tremore e rigidità. Tuttavia, la rottura del tessuto nervoso inizia circa 6 anni prima che le persone notino segni clinici.

Trovare un modo affidabile per diagnosticare la malattia di Parkinson in anticipo significherebbe che il trattamento potrebbe iniziare prima e, forse, che potremmo tenere a bada la condizione più a lungo.

Alcuni scienziati del nord America hanno associato l’odore dei pazienti con Parkinson all’inizio della malattia. La modificazione dell’odore dei pazienti Parkinsoniani si modifica anche 15 anni prima dell’inizio della classica triade motoria. Una sistematizzazione e classificazione dell’odore potrebbe permetterci di porre una diagnosi anche moltissimi anni prima che inizino i sintomi dandoci più possibilità di trattamenti precoci. 

Dott.ssa Maria Mastrullo


Zucchero-Zollette.jpg

Ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo o sperimentiamo qualcosa di piacevole, il “sistema di ricompensa” del nostro cervello si attiva.

Con l’aiuto di sostanze chimiche naturali per il cervello, diverse aree del cervello comunicano tra loro per aiutarci a imparare e ripetere comportamenti che migliorano le nostre conoscenze e il nostro benessere.
Facendo affidamento pesantemente sul neurotrasmettitore dopamina, il sistema di ricompensa aiuta a spiegare diverse esperienze umane per eccellenza, come innamorarsi, piacere sessuale e divertirsi con gli amici.
Tuttavia, alcune sostanze, come le droghe, dirottano il sistema di ricompensa del cervello, attivandolo “artificialmente”. Dire al cervello di ripetere costantemente il comportamento di ricerca del piacere è il meccanismo alla base della dipendenza.

Dott. Domenico Perfetto


te-verde.jpg

Ricerche precedenti hanno suggerito che esiste un legame tra depressione e consumo di tè. 

Un nuovo studio sta indagando ulteriormente questa relazione. Bere tè può ridurre il rischio di depressione tra gli anziani.
La depressione è comune tra gli adulti più anziani, con il 7% di quelli di età superiore ai 60 anni che riferiscono “disturbo depressivo maggiore”.
Di conseguenza, sono in corso ricerche per identificare possibili cause, tra cui la predisposizione genetica, lo stato socioeconomico e le relazioni con la famiglia, i partner viventi e la comunità in generale.
Uno studio condotto da ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore (NUS) e dell’Università Fudan di Shanghai presenta un’altra possibilità. Trova un legame statisticamente significativo tra il consumo regolare di tè e livelli più bassi di depressione negli anziani.

Dott. Domenico Perfetto


Civitillo-1200x674.jpg

25 Settembre 2019 AdminIMCinforma

Pubblicata sul GIOSBE Journal una revisione letteraria in open access dell’osteopata Claudio Civitillo sul Trattamento Manipolativo  Osteopatico e Sport.

Finalizzata in primo luogo a sintetizzare gli studi sulla pratica osteopatica in popolazione che frequenta una attività sportiva, poi a fornire per ciascuna condizione clinica ritrovata la tipologia di TMO somministrato, la revisione eseguita dall’osteopata Civitillo per il Gruppo Italiano Osteopatia dello Sport Basata sulle Evidenze, ha riguardato complessivamente 78 abstracts di cui 26 adatti per l’analisi. Di questi  5 erano studi randomizzati controllati, 3 studi di coorte, 12 casi clinici, una opinione di esperti, mentre 5 non avevano un disegno di studio dichiarato.

L’Osteopatia in ambito sportivo è una pratica sempre più utilizzata in tutti i tipi di sport. Basti pensare, come si legge nell’introduzione, che di recente la pratica osteopatica in ambito sportivo è diventata parte ufficiale delle Olimpiadi estive.
“Ai giochi olimpici del 2012 di Londra, 25 osteopati professionisti internazionali erano presenti ai policlinici nel villaggio olimpico. Sono stati forniti oltre 900 sessioni di valutazione e trattamento osteopatico agli atleti di 8 paesi in 40 sport diversi. Nel 2016, ai giochi olimpici di RIO 2016 gli osteopati professionisti Brasiliani più altri provenienti dal Giappone e dal Regno Unito, hanno fornito 1.100 sessionidi valutazione e trattamento osteopatico, includendo 700 trattamenti per gli atleti olimpici e circa 400 per i giochi paralimpici. In Italia, un recente studio segnala il trend di utilizzo di osteopati professionisti negli staff sanitari della pallavolo professionistica maschile, e negli studi disponibili si segnalano effetti positivi del TMO in svariate condizioni mediche di sportivi ricreativi e professionali 10,11, compreso nelle attività sportive in età pediatrica”.

Le procedure di pratica osteopatica sono state ritrovate somministrate in 1472 atleti in 13 tipologie di attività sportive sia a livello professionale che amatoriale, fra cui:  snowboard, pallavolo, tennis, short-track, ciclismo, basket, danza, baseball, calcio, football, atletica, arti marziali e golf. Proprio nel golf è stato ritrovato un numero maggiore di procedure osteopatiche descritte, ben il 75 per cento. A seguire l’atletica leggera con il 9 per cento, il  football americano con l’8 per cento, e poi calcio e baseball, rispettivamente con una percentuale pari al 5 e al 2 per cento.

Osteopatia e sport: quali effetti

Le conclusioni di questa revisione attribuiscono al Trattamento Manipolativo Osteopatico il merito di ridurre  l’incidenza di fratture da stress, negli esiti di lesioni muscolo-scheletriche croniche per la prevenzione della restrizione dei tessuti molli, e sulla funzione muscolare in assenza di lesioni sportive.

Lo studio fornisce un contributo aggiornato sugli effetti del TMO o singole tecniche osteopatiche in popolazione che pratica sport, tuttavia – si legge nelle conclusioni della revisione letteraria –“considerato che nei pazienti ritrovati non esistono dati definitivi sui benefici del TMO o tecniche di manipolazione osteopatica  è indispensabile la conduzione di studi metodologicamente rigorosi e di adeguate dimensioni per meglio rispondere ai quesiti di ricerca”.

Adriana Quacquarelli



26 Marzo 2019 AdminIMCinforma0

Trattamenti di medicina estetica: come si esegue un filler. Ce lo mostra lo specialista in medicina estetica del Fate Bene Fratelli, Stefano Campa, arrivato appositamente a Termoli presso l’Imci (Istituto Medico Chirurgico Termoli). “Utilizzeremo dei filler a base di acido ialuronico per dare un incremento volumetrico delle labbra ed una ridefinizione di tutto il labbro superiore ed inferiore in modo da avere un duplice effetto: ridefinizione e incremento volumetrico – spiega Campa -. L’intervento viene effettuato in ambito ambulatoriale ed occorrono circa 20 minuti”.

Prima del trattamento, si utilizzata una crema anestetica per ridurre al minimo gli sconfort associati alla puntura. “Il prodotto è del tutto bio-compatibile – aggiunge il medico specialista -. Gli effetti collaterali sono spesso dovuti ad una errata tecnica di iniezione soprattutto se queste ultime vengono effettuate in zone non corrette. Quello che eseguiremo ha una durata di 6-9 mesi ed alla scadenza di questo periodo non vengono lasciati inestetismi – ha proseguito – . Da evitare, li sconsiglio fortemente, i filler permanenti perché in quel caso eventuali complicanze o inestetismi rischiano di rimanere sempre“.
La richiesta di filler arriva soprattutto dalle giovanissimi ed è in forte aumento.

Il trend della medicina estetica è sempre in aumento a scapito della chirurgia estetica – ha concluso Campa -. Si assiste sempre di più ad un aumento delle richieste di trattamenti ambulatoriali detti della pausa pranzo già a partire dai 20 anni per il filler labbra ed il rinofiller mentre le donne mature preferiscono la ridefinizione di parti del viso che hanno subìto l’effetto del tempo”.



18 Marzo 2019 AdminIMCinforma0

TERMOLI – Le patologie neoplastiche dell’uomo al centro della nuova puntata di medicina dell’Imci: Istituto Medico Chirurgico italiano di Termoli. Ospite: il professore Luigi Schips, primario di urologia degli ospedali di Vasto, Lanciano e Chieti.

Il tumore del testicolo è tipico dei soggetti più giovani e la fascia più colpita va dai 20 ai 40 anni mentre per le patologie a carico di prostata, vescica e rene riguarda uomini tra i 50 e 60 anni. 

Per lo specialista Schips”: Si lavora sulla diagnosi precoce ed in questo ci aiutano i nuovi sistemi diagnostici. Per quanto riguarda la prostata la fa da padrona ancora il Psa accompagnato da visita urologica da specialista. Sul tumore al rene si giunge spesso ad una diagnosi casuale perchè si fa ecografia e tac per altri motivi. 
Ogni tumore non porta alla morte: oggi per alcune patologie c’è il 100 per cento di sopravvivenza – spiega Schips -. La prevenzione è fondamentale. Si invitano gli uomini a partire dai 45-50 anni a delle visite periodiche dallo specialista. Se il paziente ha una familiarità per il tumore prostatico questa visita deve essere anticipata a 40 anni. Queste sono le linee guida internazionali”.

L’età non incide sull’aggressività del tumore: dipende dalla tipologia di neoplasia.


Istituto Medico Chirurgico - Termoli aut. san. reg. n.138 del 31.08.2011